Sogni di luce

Posts Tagged ‘immigrazione

Domenica 5 luglio a S. Teresa di Riva verrà inaugurata la prima comunità rumena del comprensorio ionico.
A darne l’annuncio i rappresentanti della comunità, Zsoldis Daniel e Varga Daniel da anni residenti con le proprie famiglie a S. Teresa di Riva, comune che ha dato i natali a moltissimi cittadini rumeni che dopo l’entrata in Europa della Romania hanno acquistato importanti diritti, tra i quali il diritto al voto, non garantito invece ai cittadini stranieri extracomunitari, migliorando il loro grado di integrazione culturale all’interno del tessuto sociale.
“La presenza di cittadini rumeni nel nostro comprensorio è molto significativa, infatti la nazionalità rumena è quella prevalente tra le comunità di stranieri residenti. Solo a S. Teresa di Riva su 217 stranieri iscritti all’anagrafe, 96 sono cittadini rumeni, mentre il centro il Picchio su 236 immigrati accolti, ha assistito con svariati interventi di supporto 118 rumeni tra adulti e minori”. Questa la dichiarazione di Antonella Casablanca, responsabile del centro il Picchio di S. Teresa di Riva che dal 2004 rappresenta sul territorio l’unico servizio di sostegno agli stranieri della riviera ionica.
La prima iniziativa della comunità rumena trova concreta realizzazione nella costituzione della Chiesa Evangelica “Emanuel”, che risponde al desiderio condiviso di moltissimi cittadini rumeni che da anni aspirano ad avere un luogo dove potersi riunire, potersi confrontare e tramite la preghiera alleviare i piccoli problemi quotidiani.
Alla cerimonia di inaugurazione interverranno il Sindaco del Comune di S. Teresa di Riva, dott. Alberto Morabito, il Pastore della Comunità di Perugia, Danut Iacov, il Pastore della Comunità di Roma, Natanael Picaratu ed il Pastore di Messina, Francesco Frusteni.
L’evento si terrà domenica 7 luglio a partire dalle ore 10.00 a S. Teresa di Riva in via Sparagonà Vico I n ° 7. Alla fine dell’inaugurazione verrà offerto a tutti i partecipanti un rinfresco con specialità gastronomiche rumene.

Fonte: http://www.jonialife.it/index.asp?action=viewart&id=4054

Interessante articolo sul tema della sicurezza

scritto da Agostino Spataro

LA SICUREZZA E’ DI DESTRA O DI SINISTRA?
di
Agostino Spataro

Di questi tempi, si fa un gran parlare di riforma della “sicurezza” anche se non si capisce quale e a che cosa dovrà servire tutta questa sbandierata sicurezza.
In realtà, più che una riforma sembra un’invocazione generica, demagogica, nel bel mezzo di una campagna elettorale. Tuttavia, sarebbe da stolti non vedere che per quanto populista sia l’approccio i suoi promotori fanno leva su problemi reali.
Il bisogno di sicurezza, infatti, è venuto crescendo nella società, soprattutto nei settori meno abbienti e perciò meno protetti. Talvolta questo bisogno è gonfiato ad arte per mezzo di campagne mediatiche mirate ed allarmistiche, ma si basa sempre su un nucleo di verità. Perciò è utile rifletterci sopra, tentando di rispondere ad alcuni interrogativi che frullano, insoluti, nella mente un po’ frastornata della gente.

Sicurezza o ordine pubblico democratico?
Già il termine stesso di “sicurezza” suscita qualche perplessità, specie se non è accompagnata da un’aggettivazione che la definisca nel suo valore politico e in sintonia col dettato costituzionale e col diritto internazionale.
Solitamente, si usa tale termine in riferimento ad un edificio, ad un’infrastruttura, ad un lavoratore, all’integrità territoriale di un Paese, ecc. Insomma, il concetto di sicurezza più s’addice a qualcosa di specifico meno ad un sistema complesso e in evoluzione di relazioni umane, sociali, ambientali.
A scanso di equivoci, meglio sarebbe dire “ordine pubblico democratico” che sembra una dizione più idonea per definire il sistema e più consona con lo spirito e con la lettera della Costituzione repubblicana e antifascista.
Per essere veramente democratico quest’ordine deve essere concepito, organizzato e partecipato come risultante di uno sforzo coordinato e congiunto di tutte le forze sociali e politiche che affidano allo Stato la responsabilità di farlo funzionare, secondo giustizia, efficienza ed uguaglianza.
Ovviamente, i cittadini possono/debbono collaborare con lo Stato in questa delicata opera di salvaguardia del bene comune.
Possono farlo, senza bisogno di ronde e di compagnie di ventura che creano confusione sul terreno operativo e possono debordare in una gestione partigiana, arbitraria della sicurezza.
Parliamoci chiaro, le milizie, i volontari con le divise o con le camice nere, rosse, verdi, ecc. sono sempre stati al servizio di un progetto politico o di uno Stato autoritari.
In Italia, per altro, questa esperienza è stata amaramente vissuta con la Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale fortissimamente voluta dal fascismo il quale, con la scusa di combattere la delinquenza, se ne servì per soffocare la democrazia politica e la libertà dei cittadini.
Se una riforma c’è da fare è la riorganizzazione delle forze dell’ordine che devono essere strutturate e dotate dei mezzi necessari per adempiere al meglio ai compiti istituzionali, senza essere distolte per incombenze di tipo amministrativo o, peggio, per garantire una scorta, sovente solo uno status-symbol, ad una pletora di esponenti politici e di governo.

La riforma governativa corrisponde al bisogno reale di sicurezza?
A parte talune norme antimafia (non disprezzabili), il provvedimento Lega-Berlusconi, oltre che discutibile nel merito, appare inadeguato al bisogno poiché offre una risposta parziale e pasticciata ad un problema complesso e vasto qual è quello della “sicurezza globale” che, certo, non può essere ridotta all’immigrazione clandestina.
Se per sicurezza deve intendersi, in primo luogo, la tutela della vita e della salute umane, questo provvedimento trascura la gran parte dei fattori d’insicurezza che ogni anno, in Italia, provocano diverse migliaia di vittime e feriti. Più di una guerra mediorientale. Penso all’elevato numero di vittime per incidenti stradali o sul lavoro, ai casi di malasanità, alle aggressioni della microcriminalità, alle violenze di quella organizzata, al bullismo, alla pedofilia, alla sfruttamento della prostituzione, al mercato nero del lavoro, al contrabbando, alle sempre più frequenti esplosioni di follia, di gelosia, ecc.
Una sequenza impressionante di eventi tragici che chiamano in causa l’organizzazione della società e le responsabilità dello Stato e dei vari organismi preposti alla prevenzione dei reati e al controllo del territorio.

Garantismo o permissivismo?
In realtà, la tanto sbandierata “sicurezza” leghista e governativa, concentrandosi ossessivamente sull’immigrazione clandestina, non interviene sui diversi fronti dell’insicurezza diffusa, soprattutto nei grandi centri urbani e nelle periferie dove si registrano i più gravi allarmi sociali.
Rispetto a tali fenomeni c’è un groviglio di cause che vanno chiarite e rimosse, richiamando la responsabilità della classe dirigente che sembra avere abbandonato la società alla deriva, in balia di un permissivismo eccessivo contrabbandato per garantismo.
Tale “equivoco” ha creato uno squilibrio fra la giusta esigenza del recupero dei soggetti deviati e la tutela dei diritti dei cittadini vittime delle varie devianze.
Insomma, si è capovolto il senso vero dello Stato democratico che, in primo luogo, deve tutelare la sicurezza, i diritti dei cittadini onesti e dopo, se compatibili con tale priorità, anche quelli di chi, in vario modo, vi attenta.
Questo a me pare un punto chiaro da riaffermare anche da parte di una sinistra che, se vuole aspirare ad un ruolo di governo, non può regalare al centrodestra il monopolio della sicurezza, per altro esercitato in chiave propagandistica e populista.

Ma la sicurezza è di destra o di sinistra?
Penso che dovrebbe essere un valore fondante della convivenza civile, condiviso da tutte le forze democratiche. Tuttavia, se proprio le si vuol dare una connotazione politica credo che tutelare la sicurezza dei cittadini sia più interesse della sinistra e delle forze progressiste e meno della destra.
Se non altro per il fatto che la domanda di sicurezza proviene, prevalentemente, dai ceti medi e meno abbienti i quali si rivolgono allo Stato perché, a differenza delle classi agiate, non dispongono di mezzi propri per tutelarsi.
Ecco perché dovrebbero essere le forze di sinistra, progressiste a farsi carico del problema, con politiche basate sulla prevenzione e sul recupero, ma anche, se è necessario, sulla giusta repressione dei reati, come vuole la legge. Lasciare tale compito al centro-destra è un grave errore politico poiché – come si vede – non risolve il problema della sicurezza vera e ne fa solo una bandiera da agitare per fini elettorali. Senza dimenticare che, storicamente, la destra ha sempre strumentalizzato il bisogno di sicurezza per imporre un ordine autoritario, talvolta illiberale.

Fonte: http://www.guidasicilia.it/ita/main/news/index.jsp?IDNews=35140


Blog di attualità in merito a S. Teresa di riva e dintorni

seguimi via feed

CLICCA SULL'ARANCIA

abbonati ai miei feed rss

cos'è un feed rss?

desirèe ha bisogno di te

Desirèe ha bisogno di te!

luglio: 2017
L M M G V S D
« Apr    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Categorie

RSS dai blog che leggo

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.