Sogni di luce

Non fidatevi mai degli architetti comunisti!

Posted on: 6 aprile 2009

Vi consiglio di leggere un articolo scritto dall’on. Alessandro Pagano, che potete trovare su questa pagina.

home-sweet-home-sign

L’articolo difende a spada tratta il piano casa varato dal governo, il che non c’è nulla di male, se uno ritiene che sia una manovra che potrà giovare alla società e giusto che ne decanti i meriti, e interessante però leggere le motivazioni che vengono elencate nell’articolo.

Tutti dicono che le crisi servono anche per crescere ed in effetti se ben affrontate e gestite sono una opportunità

sono assolutamente d’accordo

Bene fa dunque Berlusconi ad agire nella direzione di provvedimenti generali come quelli del cosiddetto “Piano Casa”, ampliando gli edifici mono-pluri familiari di contenuta cubatura.
E’ la risposta al bisogno primario di dare la casa a chi non la possiede o ampliarla per renderla adeguata ai suoi bisogni, rimettendo così in moto l’economia grazie al volano formidabile dell’edilizia.

Sarebbe un discorso giusto se non fosse che per ampliare casa e peggio ancora comprarla serve una cosa chiamata denaro, una coppia di sposini oggi come oggi non si può permettere di comprare una casa tanto meno una casa ampliata del 35%, tra l’altro il governo permette si di costruire con una maggiore cubatura, ma questa stanza supplementare mica è gratis! non è gratis per la ditta costruttrice e ovviamente non lo è per l’acquirente, quindi il problema casa resta irrisolto, non posso permettermi di comprare una casa, una stanza in più non mi invoglia mica ad indebitarmi.

Stessa cosa per una ristrutturazione, si posso mettere su una stanza del 20% più grande, ma non posso indebitarmi per farlo, i tempi non lo permettono.

Ovviamente se io fossi talmente pazzo da indebitarmi con le banche per una stanza in più non farei altro che rialimentare quel processo vizioso portato avanti dalle banche, e che ci ha portato fino a questo punto.

Naturalmente questo geniale strumento di crescita economico–sociale ha dei nemici che già hanno gridato istericamente al “sacco edilizio” ed alla a cementificazione selvaggia

Ovviamente, questo piano casa non c’entra niente con la decisione di cappellacci di avviare una cementificazione selvaggia delle coste sarde vero, e io che pensavo male……….

In molti casi sono gli stessi che amministravano dal centrosinistra allegramente il territorio, dando incarichi e distribuendo parcelle professionali, gestendo appalti, mentre quelle devastazioni avvenivano sotto i loro occhi.

Le stesse precise e identiche cose commesse dalle amministrazione di centro destra, ma ovviamente il male sta tutto da una parte.

E’ necessaria infatti una sana conservazione unita ad una capacità di innovazione al fine di rimuovere lo squallore scadente dell’edilizia venuta su anarchicamente, spesso per opera di speculatori ed affaristi, molto più spesso per l’avvento delle visioni utopistiche, sperimentazioni inumane e folli, di noti ed acclamati architetti (i cosiddetti archistar) e progettisti del regime consociativo catto-comunista, che ancora è purtroppo asserragliato nei vari gangli del potere amministrativo e psudoculturale.

Questa ora me la segno, dopo la magistratura comunista, la scuola comunista, i giornali comunisti, le televisioni comuniste, i circuiti di distribuzione dei film comunisti, adesso anche gli architetti sono comunisti.

Se siete tra i pochi fortunati che ristruttureranno la loro casa state attenti al vostro architetto, potrebbe essere comunista, tenere fuori dalla portata dei bambini.

Ecco perché è urgente fare più belle le periferie delle nostre città. Sarà anche l’occasione storica per una riflessione seria, da fare nei luoghi di cultura e negli Ordini professionali, sulla progettazione di qualità come recupero e riciclo di spazio e materiali, abbattendo o sostituendo brutture ed oscenità edilizie. Spesso queste brutture sono pervenute dagli strapagati architetti di regime, vere e proprie icone progressiste, spesso usati come foglie di fico per coprire indecenti operazioni immobiliari.

Che tristezza

L’obiettivo del Presidente del Consiglio è invece quello di realizzare case a misura d’uomo partendo dai bisogni veri della nostra gente.

Mangiare pane e cipolla per potersi permettere di pagare l’architetto comunista

In conclusione, l’obiettivo di far ripartire l’economia è stato raggiunto

Di già!

Una discussione un po più seria la potete trovare in questa pagina.

Annunci

3 Risposte to "Non fidatevi mai degli architetti comunisti!"

Ricevo anch’io le comunicazioni periodiche dell’on. pagano.

I suoi argomenti, spaziano dalla religione alla politica (di parte, ovviamente)… critica “Famiglia Cristiana”, (magari avrà ragione?), per lui tutto, ma proprio tutto quello che fa Berlusconi è… religione.

Intanto, quando parla di religione, (quella vera), potrebbe limitarsi a non mischiare le due cose. E poi, me li faccia conoscere a me gli architetti comunisti… magari mi faccio dare qualche incarico. Scherzo.

Ricordiamo tutti Milano2 e Milano3 e chi le ha realizzate, e non solo quelle.

Lo so, essere obiettivi è difficile, specialmente quando si è schierati in politica, ma l’amico Bonvegna… allora?

Mai come in un periodo buio come questo, (il terremoto di stanotte ha appesantito la croce per gli italiani), bisogna camminare con i “piedi di piombo”, vedremo se (… come tutte le altre leggi di SB ;D) il Piano casa sarà una buona legge… o un grosso affare per pochi.

Grazie per la stima nei miei confronti, Nino!

Che dirti, io spero solo che certe prese di posizione siano per via di una immagine politica da mantenere, per fare il proprio ruolo nel gioco delle parti della politica, che per una vera propria scuola di pensiero.

Che dire più dei commenti condivisibili di nino84. Forse aggiungerei che quando si pensa di avere ancora il cervello un po’ affidabile, sarebbe proprio il caso di tirare il freno a mano, e guardare la realtà. Ma figurarsi se i nostri politicanti hanno questo pensiero. Invece non fanno altro che enfatizzare progetti, leggi e soluzioni, come se si fosse in un film o certe trasmissioni televisive, dove tutto è virtuale e patinato. La realtà è invece sotto gli occhi di chi può vedere.

E’ un po’ come in questi giorni che si decanta (così da esaltare che la crisi sarebbe passata) che gli italiani sono in ferie, ben oltre 10 milioni. Ma in Italia non siamo circa 60 milioni ? Quindi gli altri 50 milioni di italiani non esistono ?

A mio modesto parere è anche questo il problema dell’Italia. Contano e parlano solo quei dieci milioni di politici, magistrati, istituzionali, burocrati, professionisti, affaristi, che possono, gli altri sono, ad esempio, come quei poveri (migliaia) di immigrati che a Dubai “non esistono” nonostante siano stati loro a costruire i grattacieli, ma vivendo poi “reclusi” per la restante minima parte della loro giornata in periferiche città fortezze-dormitorio di proprietà degli stessi palazzinari-sceicchi, controllati a vista da guardie armate, con salari da fame, senza alcuna assistenza previdenziale e domiciliati fino a sei in una stanzetta. E ora con la crisi immobiliare diverranno probabilmente non solo più schiavi, ma certamente anche dei “clandestini” senza lavoro di cui “sbarazzarsi”.

Ecco, se l’Italia non è proprio in quella maniera, quanto meno ci assomiglia inquietantemente come prospettiva.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog di attualità in merito a S. Teresa di riva e dintorni

seguimi via feed

CLICCA SULL'ARANCIA

abbonati ai miei feed rss

cos'è un feed rss?

desirèe ha bisogno di te

Desirèe ha bisogno di te!

aprile: 2009
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Categorie

RSS dai blog che leggo

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: