Sogni di luce

Archive for aprile 2009

Sul blog di Bonarrigo, è stata pubblicata una mail scritta dal signor “Luis Parisi”, residente in argentina ma di origini siciliane più precisamente di Fiumedinisi, nella pseranza di riuscire a mettersi in contatto con i suoi parenti che purtroppo non ha mai conosciuto.

Stimato giovanni: La saluto cordialmente e le commento. Alcuni giorni fa sono entrato nel suo sito e con grande piacere ho contemplato i suoi quadri.

La mia inquietudine è sapere notizie sulla famiglia di mio padre che emigrò nell’Argentina nella decade del 1920. Mia nonna si chiamava Carmela Bonarrigo sposata a Fiumedinisi con Antonino PARISI. Non sono sono mai riuscito a stabilire un contatto con nessun familiare di mio padre in Italia. La prego mi informi se lei è dello stesso ramo dei Bonarrigo quì citati.

Anche io sto nel ramo dell’arte, dirigo un Balletto folcloristico in Argentina.
Reiterandole i miei cordiali saluti, rimango nell’attesa delle sue notizie.

link alla lettera originale

Se conoscevate le persone citate in questa lettera o i loro eventuali parenti non esitate a scriverlo nei commenti!!!!

Riporto un editoriale scritto da “Adduso” pubblicato su JONIA Life, in calce all’articolo linkato potete leggere la risposta di G. Massimo Cicala

E’ cronaca di questi giorni la locale dissidenza dei giovani di sinistra nei confronti della “vecchia” dirigenza. Immagino, più in generale, l’indignazione dei diffusi “matusalemme mentali” della nostra riviera, quando hanno improvvisamente visto dei giovani scendere in piazza e contestare senza alcun preventivo “accordo” il “pantano” politico che regna sovrano in questa zona (come d’altronde e notoriamente un po’ ovunque nell’Italiota). E non mi pare tuttavia un caso che a dimostrare la loro insofferenza culturale siano stati solo dei giovani di sinistra, perché quelli di destra (ma non sembra che accada solo da queste parti), appaiono ormai come “imbalsamati” nelle file dell’azienda politico-berlusconiana del centro destra di nome PDL. Sennonché, la reazione “ombrosa” dei dirigenti del centro sinistra nei confronti di questi giovani “dissidenti” appare eloquente di come anche in questo schieramento politico la cultura aziendale berlusconiana (che palesemente “sogna” i partiti non più come dei luoghi di confronto civile e scambio dialettico bensì solo come delle società gerarchiche composte da subordinati e con solo finalità elettorali, clientelari e chiaramente “economiche”) evidentemente ha “piacevolmente” inebriato pure il centro sinistra. Infatti, guardando il panorama politico-sociale, parrebbe proprio che Berlusconi deve avere detto da qualche parte (nel “firmamento”), “datemi una leva, la tv, che semplicemente stimoli i piaceri endogeni degli individui, e vi trasformerò l’intera Italiota nella terra di simpatici “gelada”. Gli “dei”, devono avergli dato molto “credito”, perché tutto sembra essersi già compiuto. Infatti, va dato atto, che nessuno forse mai come lui, o dovrei meglio dire, nessuno mai come gli attuali studiosi della psiche umana (che chiaramente lui, ed altri come lui, si possono permettere di stra-pagare), ha mai saputo così bene insinuare mediaticamente nella testa di noi gente comune (italioti), da destra a sinistra, dal mero cittadino al blasonato intellettuale o istituzionale, dei “modelli” alieni così ben programmati che ci fanno comportare quasi uniformemente con gli stessi “sintomi”, neanche fossimo regrediti allo stato di semplici primati, senza più avere neanche una consapevolezza razionale. Insomma sembriamo tutti persino privati pure di un po’ di umano dubbio (l’unico corticale antidoto che avevamo). Ma tornando al fatto in questione, la reazione nei confronti delle contestazioni dei giovani di sinistra, e soprattutto la conseguente (concorde) serrata dei noti “gerarchi” del locale Pd, così come l’altrettanta reciproca, e chiaramente opportunistica, “solidarietà” con l’amministrazione locale, appare eloquente non solo dell’inquietante intolleranza generale e dell’illogico rigetto della forza biologica giovanile, ma si mostra soprattutto significativa della brutale quanto generale insofferenza sociale verso chi ancora pensa autonomamente, tanto più se sono giovani che non scimmiottano i fan e gli “opinionisti” di certi noti programmi televisivi. Insomma, come dire, sei giovane e pensi ? Allora sei da “censurare”. Ormai questo stantio sistema politico-istituzionale italiano che ci pascola visibilmente in modo “scientifico” quanto altrettanto prevaricatore, accetta palesemente solo i servi del capitale, i picciotti dei partiti e gli zerbini delle istituzioni e non tollera invece chi non si “allinea”. Nella Storia tuttavia non ha mai funzionato a lungo “l’abisso”, notoriamente costituito da un lato dalle masse, spesso preordinatamente divise tra loro dallo stesso “sistema” (dividi e comanda), le quali boccheggiano e possono solo belare, e dall’altro i “pochi” che comandano (politici, istituzionali ed affaristi) che nel loro (interessato) delirio di onnipotenza si sentono pure degli inviati di un loro “dio” sulla terra e come tali sono convinti di avere questa (psicotica) missione “morale” di pascolare “l’umano gregge”, ma perseguendo visibilmente l’analoga etica dei mafiosi, i quali notoriamente, in una mano ostentano l’immagine del santo a cui sono devoti e nell’altra esibiscono la pistola, il fucile, il coltello ed il sangue delle loro vittime. Ma forse anche questa neo-presunzione politica dei giorni nostri si potrebbe rivelare ancora una volta un mero “gioco” d’azzardo, in quanto da sempre, quando si cerca di manovrare le “menti” degli uomini per ridurli a docili “primati”, improvvisamente e senza eclatanti preavvisi, scoppia la “rivolta”. E forse, la dissidenza dei giovani locali di sinistra, in un certo senso, e seppure molto in piccolo, la comincia ad accennare.

Adduso

L’opinione pubblica è una bestia strana, una volta ammaestrata, e compreso le dinamiche che ne regolano i suoi comportamenti, si può pilotare l’indignazione con la facilità con cui schiacciamo i tasti sul telecomando, saltando da un telegiornale all’altro soffermandosi sulle previsioni meteorologiche. Pochi giorni fa a Scicli in provincia di Ragusa, un branco di cani randagi ha inspiegabilmente assalito e ucciso un bambino di dieci anni e ferito una turista tedesca.

La notizia passa rapidamente sui telegiornali e sulla carta stampata, toni allarmisti, e come al solito, l’ennesima emergenza “allarme randagismo” improvvisamente gli italiani scoprono che esistono i cani randagi.

Subito si attivano i sindaci con ordinanze anti randagismo, si taglia l’erba delle aiuole per eliminare facili ripari per i cani, evidentemente per curare il verde pubblico c’è bisogno delle emergenza cani, possibilmente anche una tragedia come in questo caso, si firmano ordinanze e viene dato il tacito consenso ai cittadini di uccidere i cani, sempre più numerose le classiche polpette avvelenate, che vengono raccolte dai volontari che si occupano dei randagi, anch’essi purtroppo minacciati da improvvisati accalappiacani, colpevoli di dare da mangiare ai cani assassini.

evildog

I volontari parlano di clima di psicosi collettiva, anche sui siti locali si è aperto un dibattito in merito dove non sono mancate proposte da parte anche di primi cittadini, proponendo come soluzione “pietose e rispettose eutanasie” facendo leva sui sentimenti che evocano il pensiero della morte del bambino.

Tuttavia nessuno ha spiegato o quantomeno tentato di capire il motivo della strana reazione del branco, nessuno ha detto che quei cani fuggivano da un canile lager, dove venivano maltrattati e fatti morire di fame, dove le ossa dei loro simili erano tutte accatastate una sopra l’altra, basta questo per capire il comportamento del branco, per spiegare la ferocia con cui hanno reagito.

Molti amministratori si sono lamentati dei costi che comporta la gestione dei randagi, ma nessuno ha saputo spiegare che fine abbiano fatto i 3 milioni di euro destinati alla regione Sicilia per combattere il randagismo.

Nessuno se non pochi si sono interrogati sull’origine del fenomeno, ovvero tutte quelle persone che sono incapaci di prendersi cura di un cane, troppo impegnativo da tenere, troppo esoso in termini di tempo e denaro, meglio lasciarlo libero, invece che affrontare la propria incapacità, quel bagaglio troppo ingombrante da portare, in vista delle proprie vacanze, no sarebbe troppo umano prendersene cura maglio fare le bestie, e toglierci la palla al piede, per poi indignarci ad orologeria quando accadono fatti come quelli di Scicli.

Santa Teresa di Riva nel 1969

video realizzato dall’ar. Salvatore Coglitore

M’incazzo da formatore, e ancor di più da collega!

E brava alla stampa specializzata su roba regionale. Brava a sparare alla croce rossa, rappresentata in questo caso dalla formazione professionale a finanziamento regionale. Facile buttare benzina sul fuoco se…il “sacro fuoco” dell’ispirazione dialettica mira ad un realismo che sa di disfattismo. Anch’io scrivo, ufficialmente da un quarto di secolo, da quando molti laureati e laureate in Scienze della Comunicazione + master e stage in plurititolate testate, vedevano i primi peli pubici spuntare impertinenti ove prima v’erano rosee implumità. E scrivo per passione, per cultura, per coraggio e non per mestiere, o per ideologia, tantomeno per vendere. Scrivo per divulgare “verità” a me vicine, alle quali provo ad accostarmici; ma le verità lontane, o non le sfioro, od uso parecchia parsimonia di verbi all’indicativo. Scrivo anche per adrenalina, ma campo facendo altre cose, ad esempio, il formatore di Informatica e scienze legate alla comunicazione nei corsi di Formazione Professionale. Scrivo e dirigo testate editoriali perché voglio “crescere” giovani che facciano tesoro della mia esperienza. Tutte le genti di Sicilia, ed anche qualcuna in più, hanno ormai saputo tutto sulla diatriba del comparto, della manifestazione del trentuno marzo scorso a Palermo, del ritiro del Piano Incardona da parte del Governatore Lombardo. Hanno saputo della marcia dei seimila fessi che sono sul groppone della collettività siciliana e (in quota) anche Comunitaria Europea. Problemi vecchi che si ripetono sempre uguali, adattissimi e media e cronisti mandati con il macete a mietere la quotidiana dose di sensazionalismo. Il “sistema” formativo regionale è stato raccontato onestamente, ma l’uso delle parole, i riferimenti, le persone “sentite sui fatti”, le cose sottaciute per ignoranza, superficialità, inopportunità o freddo calcolo, hanno fatto puntare il convincimento e la percezione dei lettori in una direzione molto chiara: gli operatori (ergo, le persone che “ci” lavorano) sono descritti come facenti parte di una inutilità sociale, arretrati, retaggio quasi mafioso o tardo-tangentopolitano, accozzaglia di mangiastipendi a tradimento. Credo che un cronista, e al relativo Direttore, a mio modo di vedere, e mi riferisco al dott. Carlo Alberto Tregua e a Michele Giuliano, che stimo ad apprezzo ciecamente perché seguo e mi ispiro ai loro scritti, nonché alla agenzia ASCA, tra le più belle realtà dell’informazione di oggi, debbano muoversi in una modalità etica, e non per restituire ai fruitori la sensazione il “verbo” sia “vendere” o peggio, per eseguire le istruzioni di chissà quale scuderia (il caso Mentana sanguina ancora). Che l’informazione Siciliana, Quotidiana, o Televisiva abbia determinati assetti politico-economici-societari, incastrati al loro stesso interno come matrioske, non sono io a doverlo ricordare né ad averlo scoperto, ma questo mettiamolo da parte e torniamo a noi. Quando io scrivo o commissiono ai miei collaboratori una inchiesta, osservo questo vademecum: 1) conoscenza dei fatti 2) preparazione etica e tecnica 3) rispetto delle parti 4) denuncia & propositività. Mai avuto problemi, eccetto (se me lo passate) di aver diviso il club dei miei conoscenti in due sotto-squadre: chi mi odia e chi mi ama. Il secondo, credetemi, parecchio meno numeroso, me lo sono fatto bastare. Me ne sbatto se poi “vendo” meno. Il sistema della F.P., quando si ammala, posso dire, di conoscerlo anch’io: 1) Enti, Corsi, Allievi “fantasma” & soldi reali 2) Bilanci “creativi” 3) Assunzioni mai bloccate e solo su cooptazioni clientelari politico-familiari 4) “modus” attraverso il quale sostenere segreterie politiche, manovalanza, utenze, sedi, Adsl, Congressi, Manifesti murali ed imbonimento pubblicitario dei Media… o di certi Media 5) Corsi e Progetti talvolta obsoleti e fuori Mercato, o addirittura qualifiche … comiche. 6) suddivisione in Enti “storici”, collegati ai sindacati o a corporazioni di ampio respiro e con chiare ed individuabili finalità, con operatori ed operatrici assunti a tempo Pieno e Indeterminato, effetto dello sfruttamento della legge regionale (ora chiamata ex) 24/76 a sua volta antesignana della 285, ed enti “non storici” poiché promanazione di sigle ed acronimi riconducibili alla lista di assessori al lavoro degli ultimi 15 anni, che hanno formato enti e assunto interi clan familiari, senza criteri meritocratici, creando colpevolmente la stranissima, paradossale categoria del precariato della Formazione Professionale, docenti a Tempo Determinato, o addirittura a Tempo Indeterminato con spezzoni di cattedra e quindi ben al di sotto del full time ed in molti casi anche del part time. Potrei arrivare sino a 99), ma ho citato solo 6 macro-punti…il resto lo facciamo aggiungere ai lettori che hanno avuto esperienze negative o che hanno subìto le strane “leggi non scritte” della FP regionale. Ma conoscere questo, colleghi giornalisti, cari lettori non basta per le inchieste a tutto tondo in concomitanza con la solita decretazione del PROF e la solita “marcia dei pinguini” a Palermo, ovviamente senza offesa né dei pinguini né dei formatori che sono sfilati sino a sotto il balcone di Lombardo. C’è dell’altro, che magari “vende” un po’ meno e che andrebbe scritto in corpo 7 in 48ª pagina in taglio basso, oppure cassato quando l’argomento prende le luci della ribalta. Il “sistema”, così massacrato da certi media, sconosce le realtà delle insegnanti di ricamo, di sartoria, di ortofrutticultura, estetica, acconciatura, massaggio che hanno la V Elementare e 50 anni di età, assunti da 30 anni. Credetemi,… non hanno rubato nulla e non rubano nulla. Oggi, come ieri, ci sono “i raccomandati”, “i figli di”, assunti da Presidenti, Direttori e membri di CDA senza scrupoli che hanno apposto i loro cognomi, con arroganza nei posti liberi in pianta organico ovvero disegnato, e poi costruito determinati corsi sui curriculum di figli, mogli, comari e dirimpettai, prosciugando le “economie di gestione” che alcuni Enti probi e quasi onesti riuscivano ad accumulare ed onestamente a restituire all’Assessorato al lavoro, oppure reimpiegarle a conguaglio quando si interrompevano le elargizioni degli stipendi. Assunzioni immeritocratiche che calpestavano i faldoni e faldoni di “istanze di assunzione” raccolte con sorrisi di sardonica commiserazione quando migliaia di neo diplomati o neo laureati “figghi du zzu nuddu” li portavano o li spedivano.

Il vero tarlo del sistema sono le Dirigenze, i Consigli di Amministrazione, Presidenti, generali e colonnelli capaci di creare o di concorrere a creare buchi e clientele, storture e malcontento; tutti terminali di un sistema politico malato quando era in mano agli onorevoli, moribondo quando fu in mano ai funzionari, morto ma spacciato per comatoso ora che sta tornando in mano ai “nuovi politici”, pericolosi perché operano imprevedibilmente, senza gli schemi del passato.. E i candidati all’ARS che nell’ultimo quindicennio hanno tentato di rilanciare il settore (il più delle volte non riuscendoci) salvo poi pagare all’incasso le cambiali disseminate nella raccolta delle preferenze, o dei blocchi di preferenze, così forse si capisce meglio. Se un Ente fallisce, i primi a perderci sono … gli ultimi, cioè quelle famiglie di dipendenti, che hanno avuto il loro sostentamento dalla “vita” di quell’ente. Che non hanno ammortizzatori sociali, che non hanno referenti politici validi, che sono stati sottopagati, e in ritardo per giunta. Lo spauracchio peggiore? la frase “mobilità a ore zero”, che il più delle volte significa mesi di stipendio persi per sempre, ovvero briciole di ore raccattate qua e là talvolta ben oltre i 40 km contrattuali, su malattie lungodegenti, e maternità a rischio. Nessuno dei veri responsabili patirà altro se non una debacle “morale”, di “notorietà”, di aver mandato a catafottere una sigla gloriosa, protagonista magari quando c’erano le vere campagne sociali e politiche da condurre per far diventare adulta un’Italia ancora adolescente. Altri tempi. Non se ne dolga nessuno, ora di queste “sconfitte”, perché “quelle” famiglie non vivono solo di formazione, ma c’è tutta una galassia di escamotage per non dipenderne in modo esclusivo: posti impiegatizi di vertice in comuni, province, sindacati, regioni, imprese, consulenze, e spesso anche investimenti immobiliari e compartecipazione societarie. Accànisciunèffess. Ora vi provoco io, cari ASCA, Tregua e Giuliano, con un paradosso: gli operatori della formazione professionale regionale siciliana sono tra gli ultimi a dare segni di sofferenza per l’incipiente crisi globale. E non perché sono plurimiliardari. Perché sono abituati a semestri di ritardo degli stipendi, perché da sempre non possono fare gli acquisti di Natale poiché dopo S.Stefano di solito arrivano 4 mensilità in una volta, tutti reinvestiti in finanziarie e Bollette arretrate; e perché a Pasqua si arriva sempre con un ritardo di 3 o 4 mensilità, salvo poi, quando paiono sbloccarsi, la regolarità si conclude sempre nel mese di Agosto. E il ciclo si ripete. La pianificate voi una “tranquillità economica familiare”? spesso non si riesce. Macchè crisi e crisi. “Venghino”, cronisti e free-lance di belle speranze, nelle tane della formazione, in quelle iniziative che non interessano a nessuno perché non c’è glamour, non c’è appeal, non fanno apparentemente notizia, e i vs.direttori carnivori tacciano sempre di “aria fritta”; “venghino” a vedere come si dà educazione, mestiere, titoli e possibilità di continuare nelle scuole statali ai minori in dispersione scolastica, nelle zone degradate dei capoluoghi siciliani, con gli allievi espressione diretta del peggior degrado sociale del Sud Italia, venghino a vedere come dei diversamente abili rilegano i libri danneggiati, venghino a vedere come detenuti e detenute diventano sarte, elettricisti, idraulici, falegnami, esperti montatori di condizionamento e refrigerazione, o riparatori Radio TV. O come si è in prima linea a riaprire i confini della speranza ai tossici appena usciti dai tunnel dell’eroina. Niente, … di tutto questo non si ha cognizione. Certo, ci sono gli allievi “normodotati” che costituiscono anche il grosso del movimento, della base degli Enti. Quando li facciamo diventare Barman, commis di cucina, pizzaioli o insegniamo loro, semplicemente, il computer, non crediamo di fare un danno alla Nazione, né quando prendiamo classi di allievi lavoratori e dopo le 150 ore studio previste dalla maggioranza dei contratti, permettiamo loro di approcciare a procedure lavorative automatizzate. E a scorrere gli avanzamenti di carriera. Gratificazioni? Nulla. Lavoro? Tantissimo. C’è gente che non ha mai smesso di specializzarsi o di continuare a studiare, e ha sanato il suo peccato originale (l’essere entrato più o meno immeritocraticamente senza pubblico concorso), con anni di dedizione e di sacrificio. Altri non l’hanno fatto. C’è chi ha un curriculum Europeo di sette pagine, con certificazioni Microsoft e la coscienza pulita. Io offro conoscenze di informatica, e c’è sempre una robusta richiesta di candidati allievi senza alcuna conoscenza che vorrebbero essere formati gratuitamente, per cui mi sento ancora utile. Che poi siano sorti enti come funghi, ci costringano a lavorare con PC datati, e ci facciano iniziare a giugno, dovreste dirmi voi il perché: io l’informatica già la so e per mia regola mi aggiorno di continuo dal primo giorno di docenza. Ognuno ha la sua storia? se la tenga. I sistemi formativi regionali sono implosi anche in altre regioni (Sardegna e Puglia quelle che ricordo): ma mai le aggressioni mediatiche hanno raggiunto i livelli di guardia riscontrati in questa ultima settimana; si seppe solamente che il riassorbimento degli operatori rimasti a spasso, tra la Pubblica Amministrazione, fu più veloce per chi insegnava Informatica, Comunicazione, Inglese, e meno per le altre figure. Amministrativi, tutor, formatori, progettisti, orientatori non sono le foglie di fico sulle nudità di Direttori Provinciali o Presidenti più o meno sprovveduti, o forse troppo avveduti per gli affiliati ai propri clan e giammai per la gente comune, i cosiddetti “senzasponsor”. Eccola, sta tutta qui la miopia di cronisti che sanno solo puntare il dito sui troppi assistenti all’infanzia o assistenti domiciliari decretati ed a parrucchieri ed operatori al computer non decretati. Dietro quelle “scelte” di Incardona e del Comitato Regionale per l’Impiego, poi rigettate da Lombardo, ci sono nuovi assunti “al solito modo” che lavorano e “vecchi assunti” a tempo indeterminato che dovranno trovarsi le ore in giro per il mondo. La metodologia usata ed i criteri adottati per la valutazione dei progetti, ha messo nelle condizioni Incardona ad essere pressato. Da un lato, la sua idea ed il suo modo di “leggere” il mercato; dall’altro le esigenze degli enti storici, proponenti che progettano con un immane sforzo di far quadrare personale, titoli di studio in fascicolo personale, ore, cattedre, sedi e rispondenza rispetto alle richieste dei candidati allievi, che nel frattempo, diciamolo anche se molti tacciono, fanno le preiscrizioni per bruciare i tempi di avviamento delle attività corsuali. Un ente è “storico” per una importante sigla sindacale nel suo acronimo, è storico se c’è la Chiesa dietro (nessuno spari al Clero), un sindacato che nell’animo si divide per metà in una desueta parte datoriale e dall’altra per la tradizionale tendenza a difendere i diritti dei lavoratori, in una sorta di sicilianissimo conflitto d’interessi fatto in casa. Un Ente, invece, non è storico, ma è un ente “moderno” che progetta “meglio” se è nato da poco o pochissimo e se, guarda tu il caso, è riconducibile ad un neo Onorevole dell’ARS, o a qualche ennesimo assessore al lavoro, che è pure meglio, indipendentemente se è del presente o degli ultimi quindici anni. Una volta “nato”, l’ente si storicizza, ma questo non lo scrive nessuno. Qui val la pena aprire un inciso purtroppo un tantino tecnico. Di recente, la Regione per soppesare la bontà e la salute degli Enti ha inventato una procedura, chiamata “accreditamento”, che attraverso un sistema premiale di punteggi a parametro, attesta la “degnità” a ricevere finanziamenti per progetti di formazione. Tra gli items che ricordo vi è il grado di penetrazione ed interazione con il territorio, attraverso partenariati, convenzioni, coprogettualità, accordi, protocolli, scambi etc; poi c’è anche la esigenza di un biennio di presenza operativa, sul territorio. E qui, secondo molti, casa l’asino. Un Ente che si affaccia per la prima volta al capezzolo assessoriale, dove produrre una carriola di faldoni di carte per l’accreditamento, ed entrare nel novero della top ten della FP regionale…ma cosa scriverà nella finca degli anni pregressi di attività formativa, questo non è dato sapere. “Eppur nascono”, scriverei io, e come Galileo potrebbero anche condannarmi all’abiura. Come si vede, la “storicità” non è il vero dilemma di tutto questo ambaradan: noi operatori ce ne freghiamo. Vogliamo solo fare dignitosamente il nostro mestiere, ovvero essere posti in una scala di mobilità territorialmente sicura, trasparente, non selvaggia, né mediata da chicchessia. O essere riqualificati onestamente, in modo che il docente di informatica già certificato Microsoft, non abbia problemi ad imparare il moderno software di editoria elettronica computerizzata, ma non gli venga neanche chiesto di portare comitive in giro per monumenti. Così anche la ex magliaia o ricamatrice riuscirà trovare una giusta collocazione che sia utile per sé, per la Regione, per il PIL, per gli allievi… e toh, anche per i giornalisti siciliani. In definitiva, rendere gli Enti più agili, snellendoli della vergognosa quota di Non docenti rispetto ai docenti (stravolta rispetto al parametro “inventato” negli anni ’70 di un amministrativo per due istruttori, che adesso è diametralmente diventata al contrario), con una capillarizzazione dell’offerta formativa d’aula tenuta in vita da Docenti e tutor. E poi, consentire comodi “scivoli” pensionistici agli over 50 non riqualificabili ovvero un ingresso incentivato negli organi assessoriali regionali, provinciali, comunali, nazionali, dislocati sul territorio. Oppure mandarci a casa, o ancora metterci a morte al rogo, in pubblica piazza. Ed ora, timidamente, cominciamo, cari colleghi, a chiudere con i botti di fine articolo. Il Fondo Sociale Europeo ha finanziato e, sotto mentite spoglie, probabilmente continua a farlo anche adesso, una super-formazione con super-qualifiche associabili a quelle della…. formazione “normale”. Docenti pagati anche 60 euro l’ora, migliori attrezzature, sedi mozzafiato, diaria allievi più alta, e vere opportunità di stage formativi al di fuori della Regione, (un tempo anche una piccola ma significativa quota di finanziamento per il quale non occorreva produrre giustificativi contabili). La proporzione: 1 a 4, cioè un Esperto Elaborazione Dati secondo la legge 24/76 costava 125 milioni di lire ed un Operatore Office Automation anche 500 milioni di lire. I programmi? Quasi identici. Anni belli eh? Non so se siano già finiti. Giuliano, sul Quotidiano di Sicilia “scopre” che gli impiantisti di pannelli solari e celle fotovoltaiche sono stati cassati dal decreto di quest’anno. La cosa, in sè non odora certo di bruciato, ma emergerebbe in tutta la sua efferatezza che questa nicchia di economia in fortissima espansione, attualmente è in mano al o ai gestori elettrici, in partenariato con una o pochissime società del settore; e solo attraverso la triangolazione con il privato, fiducioso di risparmio in bolletta, ma “cieco” sull’argomento, è possibile accedere a finanziamenti, agevolazione statali, perizie gratuite. Si tenga conto che auto costruirsi un pannello fotovoltaico, pur facendo le stesse procedure e gli stessi materiali dei soliti noti, non ti produce quella certificazione necessaria a vendere la corrente in surplus prodotta, reimmettendola nella rete, e si sa, l’energia non si può immagazzinare se non per piccole dosi e per un tempo relativamente breve. Non è per caso che seminare sul mercato diverse centinaia di nuovi impiantisti qualificati “forse” apre troppo gli occhi agli utenti e rompe le uova nel paniere a chi avrebbe trovato la gallina dalle uova d’oro e la vuole trattenere nel pollaio sino a quando l’opinione pubblica permane in un lucroso stato di ignoranza? A pensar male si fa peccato, ma tante volte… E poi, non può rimanere dentro i tasti di questo pc quest’ultimo aspetto. Un assessore al lavoro, che esercitò il mandato nel lontano 1993, fu il primo a rendersi conto che un paletto occorreva piantarlo in culo al sistema, e decretò il blocco delle assunzioni negli Enti. Qualcuno spieghi come mai, in regime di blocco, all’epoca gli operatori erano poco più di 5000 e dal 1995 al 2002 si incrementarono del 25% (e la spesa, pari periodo, del 60%). Oggi alcune stime dicono 7000 più una galassia di pseudo precari che orbitano alla bisogna di quel che occorre insegnare e quello che si trovano nei curricula, e i Direttori ad improvvisarsi veri alchimisti dei plannings ore/materie/docenti, tante asole per tanti bottoni, per far quadrare i conti. Adesso, l’assessore Incardona, difeso dall’On.le Carmelo Briguglio, è stato sconfessato (ed esautorato) dal Presidente Lombardo, che avoca a sé gli aggiustamenti del 2008. Invece di dar adito a chi propende che questa manovrazza sia stato solo un effetto dello shopping di preferenze pre-europee, occorrerebbe un po’ più di lungimiranza, pena di venir tacciati di chi è stato colto con le zampe dentro il vasetto di marmellata. Ma con quale criterio il nostro mega Assessore Regionale al Lavoro intendeva dare un volto nuovo al settore, senza una pianificazione annua a medio termine, fatta per obiettivi parziali, senza un disegno di legge credibile, spalmando lungo il suo mandato i “cambiamenti epocali” che necessitano e che probabilmente, anzi, sicuramente sono nelle corde di Incardona? Ma l’assessore frettoloso, finisce che fa sempre una formazione cieca.

G.Massimo Cicala

Dove la faccio la puntura?

SOMMARIO

EDITORIALE
Pag. 3 Editoriale di C. Cutrufello
PRIMO PIANO
Pag. 5 Punti di vista di G. M. Cicala
Pag. 6 Chi salverà i nostri comuni? Inchiesta
Pag. 8 Semplificare? di D. Puliatti
Pag. 10 Riforma sanitaria Inchiesta
Pag. 13 Care vecchie farmacie di turno di G. M. Cicala
ATTUALITÀ
Pag. 14 Castelmoljanskj di C. Scimone
Pag. 14 Roccafiorita
Pag. 15 Antillo
Pag. 16 Sant’Alessio: il Cst di M. Moschella
Pag. 17 Savoca: Passio Christi di S. Sturiale
Pag. 18 Santa Teresa: biblioteca di G. M. Cicala
Pag. 22 Carnevali Taorminesi di R. D’Amico
Pag. 24 Tu-Tubo: Saviano e dintorni di M. Lo Giudice
Pag. 28 Pagliara
Pag. 29 Furci
Pag. 30 Roccalumera: intervista Miasi di G. Bonarrigo
Pag. 31 Alì
Pag. 32 Scaletta
Salute
Pag. 33 Riabilitazione in acqua Di G. Crupi
ECONOMIA
Pag. 33 Intervista a P. Cascio di G. M. Cicala
ENERGIA
Pag. 36 Fotovoltaico – I parte di V. Crisfulli e S. Bivona
Pag. 36 Girandole per adulti di V. Crisfulli e S. Bivona
SPORT
Pag. 38 Sport Riviera di M. Muscolino
Cultura
Pag. 39 Non è vero, ma… Di N. Picciotto
Pag. 40 La Traviata di V. Ciarocchi
Pag. 41 The Millionaire di C. Aliotta
Pag. 42 Copertinando di M. Lo Conti
Pag. 45 Dieci Anni di Picchio di S. Sturiale
Pag. 46 Edicola del Fumetto di P. Biella, il Prof.

Tag:

Vi consiglio di leggere un articolo scritto dall’on. Alessandro Pagano, che potete trovare su questa pagina.

home-sweet-home-sign

L’articolo difende a spada tratta il piano casa varato dal governo, il che non c’è nulla di male, se uno ritiene che sia una manovra che potrà giovare alla società e giusto che ne decanti i meriti, e interessante però leggere le motivazioni che vengono elencate nell’articolo.

Tutti dicono che le crisi servono anche per crescere ed in effetti se ben affrontate e gestite sono una opportunità

sono assolutamente d’accordo

Bene fa dunque Berlusconi ad agire nella direzione di provvedimenti generali come quelli del cosiddetto “Piano Casa”, ampliando gli edifici mono-pluri familiari di contenuta cubatura.
E’ la risposta al bisogno primario di dare la casa a chi non la possiede o ampliarla per renderla adeguata ai suoi bisogni, rimettendo così in moto l’economia grazie al volano formidabile dell’edilizia.

Sarebbe un discorso giusto se non fosse che per ampliare casa e peggio ancora comprarla serve una cosa chiamata denaro, una coppia di sposini oggi come oggi non si può permettere di comprare una casa tanto meno una casa ampliata del 35%, tra l’altro il governo permette si di costruire con una maggiore cubatura, ma questa stanza supplementare mica è gratis! non è gratis per la ditta costruttrice e ovviamente non lo è per l’acquirente, quindi il problema casa resta irrisolto, non posso permettermi di comprare una casa, una stanza in più non mi invoglia mica ad indebitarmi.

Stessa cosa per una ristrutturazione, si posso mettere su una stanza del 20% più grande, ma non posso indebitarmi per farlo, i tempi non lo permettono.

Ovviamente se io fossi talmente pazzo da indebitarmi con le banche per una stanza in più non farei altro che rialimentare quel processo vizioso portato avanti dalle banche, e che ci ha portato fino a questo punto.

Naturalmente questo geniale strumento di crescita economico–sociale ha dei nemici che già hanno gridato istericamente al “sacco edilizio” ed alla a cementificazione selvaggia

Ovviamente, questo piano casa non c’entra niente con la decisione di cappellacci di avviare una cementificazione selvaggia delle coste sarde vero, e io che pensavo male……….

In molti casi sono gli stessi che amministravano dal centrosinistra allegramente il territorio, dando incarichi e distribuendo parcelle professionali, gestendo appalti, mentre quelle devastazioni avvenivano sotto i loro occhi.

Le stesse precise e identiche cose commesse dalle amministrazione di centro destra, ma ovviamente il male sta tutto da una parte.

E’ necessaria infatti una sana conservazione unita ad una capacità di innovazione al fine di rimuovere lo squallore scadente dell’edilizia venuta su anarchicamente, spesso per opera di speculatori ed affaristi, molto più spesso per l’avvento delle visioni utopistiche, sperimentazioni inumane e folli, di noti ed acclamati architetti (i cosiddetti archistar) e progettisti del regime consociativo catto-comunista, che ancora è purtroppo asserragliato nei vari gangli del potere amministrativo e psudoculturale.

Questa ora me la segno, dopo la magistratura comunista, la scuola comunista, i giornali comunisti, le televisioni comuniste, i circuiti di distribuzione dei film comunisti, adesso anche gli architetti sono comunisti.

Se siete tra i pochi fortunati che ristruttureranno la loro casa state attenti al vostro architetto, potrebbe essere comunista, tenere fuori dalla portata dei bambini.

Ecco perché è urgente fare più belle le periferie delle nostre città. Sarà anche l’occasione storica per una riflessione seria, da fare nei luoghi di cultura e negli Ordini professionali, sulla progettazione di qualità come recupero e riciclo di spazio e materiali, abbattendo o sostituendo brutture ed oscenità edilizie. Spesso queste brutture sono pervenute dagli strapagati architetti di regime, vere e proprie icone progressiste, spesso usati come foglie di fico per coprire indecenti operazioni immobiliari.

Che tristezza

L’obiettivo del Presidente del Consiglio è invece quello di realizzare case a misura d’uomo partendo dai bisogni veri della nostra gente.

Mangiare pane e cipolla per potersi permettere di pagare l’architetto comunista

In conclusione, l’obiettivo di far ripartire l’economia è stato raggiunto

Di già!

Una discussione un po più seria la potete trovare in questa pagina.

Chi vive nel quartiere Passo Botte sa benissimo i disagi che si creano ogni qualvolta piove,  il torrente Coletta confluendo nel torrente Sparagonà, causa allagamenti e notevoli danni,  coinvolgendo tutti i veicoli che transitano in questa zona.

Per questo motivo i cittadini hanno sottoscritto una petizione,  in seguito inviata al sindaco di Santa Teresa di Riva Dr. Alberto Morabito , allegando una lettera che elenca i disagi che interessano via Sparagonà.

Da tanti anni, assistiamo inermi ad una situazione ormai divenuta intollerabile che si verifica contestualmente alle precipitazioni atmosferiche che colpiscono la nostra zona; la notevole quantità d’acqua piovana proveniente sia dal lato est (Via Coletta), sia dal lato ovest, si riversa sul manto stradale adiacente le nostre abitazioni creandoci non pochi disagi e notevoli danni, cosi come risulta dalle foto che si allegano alla presente istanza;
in più occasioni la Via Sparagonà, all’altezza dei numeri civici 270 -280 si è trasformata in un lago che, debordando, ha allagato i piani terra delle abitazioni prospicienti e producendo, come detto prima, gravissimi danni ai residenti; nei disagi, di volta in volta, vengono coinvolti tutti quelli che transitano per le frazioni più a monte dello stesso comune di Santa Teresa di Riva (Quartarello, San Gaetano, Giardino, Misserio, Fautarì) e quelli che debbono raggiungere le frazioni di San Carlo, Misitano, Rimiti del Comune di Casalvecchio Siculo: le piogge, persino, le più blande, paralizzano la circolazione stradale, auto rimangono in panne, la viabilità diventa impossibile.
Più volte sono stati effettuati sopralluoghi, nell’immediatezza dei fatti, da parte dei Vigili Urbani di S. Teresa di Riva, da parte di componenti dell’Ufficio Tecnico comunale, ma a tutt’oggi nessuna iniziativa, finalizzata ad evitare il ripetersi dei disagi, è stata adottata.
Le acque meteoriche invadono la carreggiata perché i canali di raccolta e smaltimento (quei pochi esistenti) sono insufficienti e inidonei a svolgere la funzione per la quale sono stati realizzati.
Permanendo tale stato di cose, si ha il timore che, in assenza di idonei progetti e di concreti interventi da parte del Comune di Santa Teresa di Riva, il pericolo di allagamento delle abitazioni, anche in presenza di precipitazioni piovose non eccezionali resta costante.
”A tal proposito ci preme ricordare che nei confronti del Comune pende un giudizio, intentato da un danneggiato, per risarcimento dei danni cagionati da allagamento.
Per porre fine al costante pericolo ed evitare nuovi danni, prevenendo il sorgere  anche di azioni giudiziarie, chiediamo:
– Che l’Amministrazione Comunale di Santa Teresa di Riva, immediatamente, attraverso il proprio ufficio tecnico, provveda a far redigere un progetto per la raccolta e lo smaltimento delle acque nel quartiere PASSO BOTTE con il riversamento delle stesse nel torrente Savoca;
– Che la Giunta e il Consiglio Comunale, nell’adozione del bilancio di previsione 2009, ciascun per quanto di competenza, provvedano a istituire i capitoli di bilancio necessari per la copertura finanziaria del predetto progetto.
Qualora non venisse dato formale incarico per la redazione del necessario progetto e non venisse prevista, in bilancio, la necessaria copertura finanziaria riterremo la presente istanza disattesa e – senza ulteriore indugio – , ci rivolgeremo al Magistrato competente per la più ampia tutela dei nostri diritti. Facciamo appello alla sensibilità dell’intero Consiglio Comunale e restiamo in attesa di quanto richiesto”

fonte: http://www.tele90.it/news.asp?news_id=6171

Questa mattina il quartiere ha ricevuto la visita di un giornalista di tele90 con tanto di cameraman per realizzare un servizzio in merito a quanto su detto.

Milazzo è una città che da molto tempo è al centro di un dibattito in merito all’inquinamento e ovviamente a tutto ciò che esso comporta, apparentemente causato a detta di molti cittadini e non solo, dalla presenza di stabilimenti industriali presenti in città e nelle località vicine.

Come se non bastasse Milazzo è una città dove l’incidenza dei tumori è superiore alla media regionale.

Per questo ho chiesto l’opinione di Alex, un mio amico milazzese, in merito al problema ambientale di Milazzo.

D: Cosa dicono i cittadini che abitano a pochi km dalla zona industriale mi Milazzo – S. Filippo del Mela?

ALEX: Come abitante di questo luogo rispondo che qui tutti siamo stanchi di subire l’inquinamento delle fabbriche.

D: Cosa significa essere stanchi di subire?

ALEX: Siamo stanchi perché da 40 anni a questa parte le fabbriche stanno degradando il nostro territorio e il nostro ambiente. Da un po’ di tempo si parla anche di molti casi di tumori fra i cittadini e molti dei quali muoiono per queste malattie. Non esiste ancora una certezza scientifica delle cause, ma tutti sappiamo che è l’aria sporca che ci fanno respirare ogni giorno. Lo dicono molti medici che curano i malati di tumore. Secondo i loro studi e le loro ricerche, ci sono alcune zone dove ci sarebbero più casi di tumori rispetto alla media nazionale. Non saprei dire la percentuale, ma so che è molto più alta della media nazionale.

D: Che tipo di stabilimenti industriali ci sono?

ALEX: Come stabilimenti qui abbiamo un po’ di tutto nella zona industriale che si estende da Giammoro a S. Filippo del Mela e Milazzo. Non tutte le altre industrie non hanno ciminiere grandi come quelle della termoelettrica o della raffineria e da essi non esce così tanto fumo. E poi, sono poche le fabbriche che hanno dei bruciatori. Nei vari stabilimenti si producono materiali per l’edilizia, imbarcazioni, prodotti farmaceutici, ecc. In più ci sono capannoni utilizzati come depositi per prodotti alimentari destinati alla grande distribuzione. Queste attività industriali hanno ben poco da inquinare, visto che non producono grandi quantità di materiale di scarto.

D: Come si fa a dire che le cause sono proprio le fabbriche?

ALEX: Beh! Qui c’è una concentrazione di fabbriche che altrove non c’è. Ho letto su una rivista che esistono posti al mondo dove le persone che vivono vicino le fabbriche hanno più probabilità di ammalarsi. Infatti, lì la percentuale di malati supera di gran lunga la media mondiale. E non pensate che questi luoghi siano lontani da noi! Basti pensare a Gela, dove c’è una fabbrica petrolchimica dove anche lì la percentuale di casi di tumori e altre malattie è più alta che altrove. Forse lì c’è addirittura più rischio per la salute che qui da noi. Non credo che possano trattarsi solo di coincidenze.

D: Vista la situazione, perché non fate nulla per protestare?

ALEX: Protestiamo ogni giorno, solo che la nostra voce rimane inascoltata. Nessuno vuole ascoltarci. Non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire. La voce dei cittadini non serve a molto, abbiamo bisogno dell’aiuto dei nostri politici, solo che non si interessano. Sono tutti bravi a chiedere i voti, ma quando c’è da fare qualcosa per la popolazione si tirano indietro. Io personalmente sono anche stanco di votarli.

D: Voi tutti accusate le fabbriche di inquinare, ma quali sono le sostanze immesse nell’atmosfera?

ALEX: Purtroppo non siamo mai riusciti a sapere cosa esce dalle ciminiere. Sappiamo solo che alcune emettono fumi invisibili, altre immettono fumi molto densi che si vedono a distanza di km, ma non sappiamo quali sostanze contengono. La gente teme di più i fumi densi, forse perché sono più visibili, ma forse dobbiamo temere di più quelli che non si vedono.

D: Ma non vengono utilizzati i filtri per i fumi?

ALEX: Loro dicono di si, ma chi è deve verificare se è vero? E sono davvero funzionanti questi filtri? Sono domande che ci siamo sempre fatti tutti ma nessuno ha saputo mai risponderci.

D: La classe politica cosa dice in merito?

ALEX: C’è chi si interessa e fa qualche pressione e chi no.

D: Quanto pesa questo problema nelle campagne elettorali locali?

ALEX: Beh! dipende da chi sono i politici. Qualcuno fa di questa battaglia un punto di forza nella campagna elettorale, ma chissà perché, finisce per perdere le elezioni. E’ successo tante volte (troppe volte!). Forse i cittadini sottovalutano il problema, oppure la spiegazione è da ricercarsi altrove. Prima di andare a votare però bisogna valutare se il politico di turno dice le sue parole con sincerità, se è davvero motivato a portare avanti la sua battaglia oppure se è solo un modo per guadagnare più voti e basta.

D: Avete l’appoggio di associazioni ambientaliste? Se si cosa è stato fatto?

ALEX: Qualche appoggio credo che ci sia, anche se non in maniera diretta. Però anche loro non possono fare molto se non hanno prove. Come si fa a dire che una fabbrica inquina se non si hanno le prove?

D: Qual’è la risposta degli enti industriali interessati?

ALEX: Ovvio! Dicono che non è vero che inquinano. Ammettono che alcune sostanze inquinanti fuoriescono dalle loro ciminiere, ma secondo loro i livelli sono entro i limiti imposti dalla legge, quindi sono a norma. Sempre secondo loro poi, le ricadute sono concentrate in un’area molto ridotta all’interno della fabbrica stessa, quindi non dovrebbero interessare le case vicine. E’ anche vero però che c’è grande concentrazione di case vicino le fabbriche, la maggior parte delle quali sono state costruite prima della costruzione delle fabbriche stesse, quindi non si possono incolpare i cittadini di abitare lì vicino, perché ci abitavano già da prima.

Voglio aggiungere una cosa: per farti capire meglio il discorso, immaginati che un giorno decidono di costruire una fabbrica a pochi metri da casa tua. Cosa fai? Di sicuro proverai ad opporti alla costruzione, dicendo che una fabbrica in quella posizione potrebbe danneggiarti. E se loro non se ne vanno perché hanno tutte le carte in regola per costruire, che fai? Dovrai subire le emissioni inquinanti di una fabbrica vicino casa tua, con tutti i rischi che potresti correre. Oppure cambi casa se ne hai la possibilità. Molte persone però questa possibilità non ce l’hanno.

D: Prospettive per il futuro? Credi che si arriverà mai alla soluzione del problema ambientale di Milazzo o quanto meno un compromesso?

ALEX: Per il futuro non so che prospettive possiamo aspettarci. Per tanto tempo non si è fatto nulla, quindi penso che sia normale il pensiero collettivo che non si farà molto nel prossimo futuro. Forse in un futuro lontano qualcosa potrebbe cambiare.

Altre risorse in merito alla situazione ambientale di Milazzo

http://www.intornoamessina.it/articoli/119/inquinamento-milazzo-la-strage-continua/

http://www.ecodisicilia.com/milazzo-me-inquinamento-da-radon.htm

http://www.revestito.it/?RSS=254179

100 foto per raccontare la storia fascista Santateresina che gravita attorno alla villa Crisafulli-Ragno oggi rinominata in palazzo della cultura.

video dell’arch. Sallvatore Coglitore


Blog di attualità in merito a S. Teresa di riva e dintorni

seguimi via feed

CLICCA SULL'ARANCIA

abbonati ai miei feed rss

cos'è un feed rss?

desirèe ha bisogno di te

Desirèe ha bisogno di te!

aprile: 2009
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Categorie

RSS dai blog che leggo

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.